Monaco di Baviera è una di quelle città che non ti stanchi mai di visitare e che ogni volta ti porta a scoprire cose diverse. Il suo aspetto è mutevole, è una delle città tedesche più attive, vivaci, innovative e tecnologiche della Germania, ma allo stesso tempo non cancella il suo passato e le sue tradizioni, ma anzi le valorizza e così a fianco ai tradizionali e tipici mercatini di Natale, nello skyline svetta la torre della Volkswagen, a fianco all’Oktoberfest si alternano eventi e megaconcerti. Simbolo di Monaco è il suo centro storico dove presente e passato si fondono in un unico armonioso.

Le principali attrazioni di Monaco di Baviera

Il turista a Monaco di Baviera non può prescindere da una visita al suo caratteristico centro storico, dominato, nella piazza centrale, dall’Alte e Neues Rathaus gli edifici del Vecchio e Nuovo Municipio costruiti rispettivamente nel XV secolo e nel XVIII secolo. Gli edifici che circondano la Marienplatz sono in tipico stile gotico, lo stile che caratterizza gran parte dell’architettura del centro storico monacense. Al centro della piazza campeggia la colonna in cima alla quale è posta la statua della Madonna che dà il nome alla piazza stessa. Una delle attrazioni della piazza è l’orologio-carillon con le statue animate posto sulla facciata gotica del Neues Rathaus. Ogni giorno alle 11 e alle 12 (e alle 17 in estate) le campane del campanile, il Glockenspiel, suonano e i personaggi si animano rappresentando il tipico ballo dei mercanti di cavalli per scongiurare la peste. L’Altes Rathaus, invece, custodisce una bella e ricca collezioni di giocattoli e se si ha voglia di salire i 306 gradini della sua torre si può osservare dall’alto uno dei panorami più belli di Monaco. Un altro edificio caratteristico della piazza centrale è la Peters Kirche, la Chiesa di San Pietro, che domina la piazza con il suo alto campanile, l’Alter Peter ed è la chiesa più antica della città.

La visita alla Monaco storica continua con la Residenz, la residenza regale della dinastia Wittelbach che ha governato a Monaco per 800 anni ed è uno dei palazzi più spettacolari in Europa. Il palazzo fu costruito intorno al ‘400 quando la famiglia reale decise di trasferirsi dalla Alter Hof , una modesta magione, ad una residenza fortificata (in vista soprattutto dei malumori che serpeggiavano nella popolazione). La facciata principale si presenta, così, con un ingresso chiaramente ispirato a Palazzo Pitti a Firenze. I due grandi portali sono custoditi dalla statua della Madonna e vegliati da quattro leoni in bronzo che la leggenda vuole fossero accarezzati dai militari in partenza per la guerra. L’interno è ricco di magnifiche opere d’arte.

Monaco di Baviera è l’unica città tedesca che mantiene una forte tradizione cristiano-cattolica; gli amanti dell’architettura religiosa non possono mancare l’appuntamento con la Cattedrale di Nostra Signora, un’imponente costruzione edificata tra il 1468 e il 1488 in stile gotico, ma sulla pianta di una antica basilica romanica. Il suo aspetto è cupo e severo, con la facciata in mattoni sorretta da due colonne alte 99 metri, le cupole in ottone poste sulla sommità delle due torri sono curiosamente chiamate “le cipolle”. I bombardamenti della seconda guerra mondiale hanno notevolmente danneggiato l’edificio, i cui lavori di ristrutturazione terminarono nel 1994. Gli interni sono altrettanto imponenti e austeri con una particolarità: nella pavimentazione c’è un mattone sul quale è impressa l’orma di un piede, che si dice sia “l’impronta del Diavolo”. La leggenda narra che i costruttori della Chiesa vollero sfidare il Demonio affermando che avrebbero costruito una cattedrale senza finestre. In realtà puntando lo sguardo verso l’altare dalla mattonella in cui si trova l’orma, le finestre sono nascoste dalle colonne facendo apparire la cattedrale effettivamente priva di finestre; questo stratagemma fece vincere la scommessa ai costruttori, e quando il Diavolo si accorse dell’inganno era troppo tardi, perché la Cattedrale era stata già consacrata.

Gli amanti dell’arte e dei musei, invece, ameranno particolarmente il Kunstareal o Quartiere dell’arte, realizzato nella prima metà dell’800 per volere di Ludwig I, un agglomerato di edifici che ospitano musei e pinacoteche dove sono raccolte le più importanti opere d’arte dal rinascimento all’età moderna. Le tre pinacoteche più importanti sono: Alte Pinakothek, Neue Pinakothek e Pinakothek der Moderne. Il Kunstareal ospita inoltre il complesso museale del Lenbachhaus – che raccoglie opere dell’impressionismo, espressionismo e art nouveau – la Glyptothek e lo Staatliche Antikensammlungen con collezioni di opere d’arte greco-romane.

Per rimanere sul fronte dei musei, è imperdibile la visita al Deutsches Museum, il più grande museo al mondo dedicato alla scienza e alla tecnologia. I visitatori che affollano le sale e rimangono affascinati dall’interattività e dai “giochi” di ottica, fisica e chimica sono migliaia. Il palazzo fu progettato dall’ingegner Oskar Von Miller e i lavori terminarono nel 1903. L’edificio enorme e imponente domina la piccola isola Kohleinsel sulla quale è costruito, infatti, il museo sorge al centro di un’isola in mezzo al fiume Isar che attraversa tutta la città; la fama del museo è tale che l’isola è stata ribattezzata Museumsinsel, l’isola del Museo, metà e attrazione per grandi e soprattutto piccini affascinati dalla possibilità di toccare e provare tutto.

In una città reale come Monaco, non possono mancare parchi e giardini, come il lussureggiante Englischer Garten, realizzato nel 1789 come giardino destinato all’addestramento militare, fu poi aperto al pubblico già nei primi anni dell’800 diventando il primo parco pubblico della Germania, ed è anche uno dei parchi più grandi del mondo, con un’area riservata ai nudisti proprio nei pressi dell’ingresso principale. Il parco ha un’enorme bacino d’acqua dove in estate ci si può fare il bagno ed è persino frequentato dai surfisti per allenarsi sfruttando i salti dei ruscelli. Il parco è punteggiato di costruzioni caratteristiche e molto particolari, come la Japanische Teehaus, una casina offerta dal Governo di Tokyo in occasione delle Olimpiadi del 1972, la Chinesischer Turm che ospita all’interno il ristorante Monopteros e il peculiare Tempio in stile greco.

Cosa fare a Monaco di Baviera: dall’Oktoberfest allo shopping alla vita notturna

Dal 12 al 17 ottobre 1810, fu organizzata una grande festa in onore del matrimonio del principe Ludiwig I di Baviera: la famosa e gustosa birra bavarese scorreva a fiumi in quei giorni e l’attrazione principale era la corsa dei cavalli. Il successo della festa indusse gli organizzatori a ripeterla ogni anno, nacque così l’Oktoberfest che, giunta fino ai giorni nostri, accoglie oltre sei milioni di visitatori l’anno sotto i tendoni allestiti nei giardini Theresienwiese. I festeggiamenti dell’attuale Oktoberfest si protraggono per sedici giorni e terminano la prima domenica di ottobre. La cerimonia di apertura vede protagonista il sindaco che apre con poderose martellate la botte scelta per l’inaugurazione e quando viene spillata la prima birra, il sindaco apre ufficialmente i festeggiamenti al grido di “O’zapft is!”, espressione del dialetto bavarese che significa “è stappata!”.

L’Oktoberfest è un’esperienza da vivere solo se ci si trova a Monaco in coincidenza con i giorni della festa, mentre tutto l’anno è possibile portare a casa un souvenir speciale facendo shopping in una delle strade dello shopping della città. La principale strada dello shopping a Monaco si chiama Kaufingerstraße e collega la centrale MarienPlatz con la Stachus. Lungo questa strada, i turisti amano soffermarsi nei grandi centri commerciali, ma soprattutto da Max Krug, il negozio specializzato in oggetti della tradizione tipica bavarese; ma in questa strada ci si imbatte anche in negozi lussuosi, dove si vendono gioielli a prezzi proibitivi e atelier di alta moda. Gli amanti delle bancarelle preferiranno soffermarsi all’Auer Dult, il mercatino delle pulci di Marienplatz, il più antico mercato del mondo che si svolge in questo luogo fin dal 1310 e che nel corso del secolo scorso è addirittura triplicato per estensione.

La Movida a Monaco non lascerà delusi i turisti più giovani che potranno degustare un’autentica birra bavarese all’ Hofbräukeller, l’antica birreria reale dove le cameriere indossano gli abiti tradizionali e gli uomini in costume si esibiscono nella tradizionale danza con le fruste. Per il divertimento più trasgressivo, ma anche per soddisfare tutti i gusti, a Monaco ci si può addentrare nella Kultfabrik, un’area di 60.000 m2 allestita in una ex-zona industriale riconvertita e riqualificata interamente dedicata al divertimento con pub, discoteche, ristoranti, club, sale per concerti, spazi espositivi, gallerie, locali a luci rosse. Ugualmente interessante è lo Schwabing, il quartiere degli artisti, attivo di giorno e di notte offre attrazioni senza sosta. La particolarità di questo quartiere storico è che fu il primo ad essere illuminato con la corrente elettrica e il collegamento fu eseguito da Hermann Einstein, padre del fisico premio Nobel Albert Einstein.

Insomma, Monaco è una città inarrestabile che guarda al futuro senza dimenticare il suo passato!

Divertimento

Locali a Valencia: scopri insieme a noi queste splendide opzioni

Valencia è la terza città della Spagna (dopo Madrid e Barcellona of course), è una città in espansione baciata dal Mediterraneo che le regala estati lunghissime e notti “calienti”. Chissà se è questo il motivo per il quale la movida è così attiva. Durante l’estate ma anche durante l'inverno tanto mite da rendere piacevole anche in pieno Gennaio, le notti diventano mille, come mille diversi sono i gusti delle persone che vivono e amano questa città.

Leggi tutto...

Locali a Roma: ecco tutte le possibilità che ci sono nella capitale

C’era un volta la dolce vita romana… e c’è ancora! Quell’atmosfera di festa e di voglia vivere che aveva reso celebri le notti della Capitale negli anni 60 è tornata prepotentemente di moda grazie alla comparsa di numerosi locali al centro di Roma, molto gettonati sia dagli stessi romani che dai turisti, che rievocano quel momento storico ma con una maggior consapevolezza dettata dai tempi che comunque sono cambiati.

Leggi tutto...

Guide e consigli

Vacanze nel Salento? 3 Località da vedere assolutamente

Il Salento ogni anno accoglie migliaia di turisti di tutto il mondo per le sue spiagge meravigliose e le località ricche di storia e fascino. Tante sono le città del Salento, sicuramente tutte da visitare ma, ce ne sono alcune che sono tappa obbligatoria. 

Londra, una città a misura di bambino

Per diverse persone rappresenta tra le città più affascinanti della vecchia Europa, Capitale di un impero che ha dominato per secoli e che evidenzia ancora questo suo passato glorioso in ogni suo angolo. Londra continua ad essere tra le mete turistiche più apprezzate dai giovani, tuttavia anche per le famiglie e soprattutto per i bambini presenta tantissime attrazioni, che ne fanno un luogo privilegiato per soddisfare la loro curiosità e divertimento.

Città da Visitare, sviluppato dall'Agenzia Web di Roma ElaMedia Group - Partita IVA 12238581008

GDPR e Cookie Privacy. Questo sito utilizza solo Cookies tecnici (necessari al suo corretto funzionamento). La prosecuzione della navigazione o l’accesso a qualunque sezione del sito senza avere prima modificato le impostazioni relative ai Cookies verrà interpretata come accettazione implicita alla ricezione di Cookies dal sito stesso.