Appena si arriva a Varsavia non bisogna farsi ingannare dalla vista del Palazzo della Cultura e Scienza, il lascito dell’architettura socialista, infatti, anche se la prima cosa che vedrete è questa struttura, essa non è affatto rappresentativa della bellezza di questa città polacca tanto che i suoi abitanti lo chiamano appunto “il mostro”. Questa definizione crea un enorme contrasto con quella di “Parigi del Nord” con la quale era chiamata la bella capitale della Polonia prima che con la Seconda Guerra Mondiale fosse distrutta.

Il centro storico, che è stato perfettamente ricostruito, rappresenta un gioiello di colorate facciate, vicoli, piazzette nascoste e lampioni a gas. I luoghi fondamentali del centro città sono due: la Piazza del Mercato e la sua Sirenetta che è il simbolo di Varsavia e la Piazza del Castello, che è il luogo di origine della città. Non appena si esce dal centro, dall’antica Strada reale, si possono raggiungere i due parchi-palazzo di Wilanow e Lazienki, un lascito di re, ricchi mercanti e nobili.

Queste però sono solo alcune bellezze della città, vediamo insieme cosa vedere a Varsavia in 5 tappe fondamentali.

La città vecchia ricostruita

Del tutto distrutta dai bombardamenti avvenuti nella Seconda Guerra Mondiale, la Stare Miasto, ovvero la Città Vecchia di Varsavia è stata completamente ricostruita così bene che le copie realizzate non si differiscono dalle originali tanto che l’UNESCO ha conferito alla zona la tutela a titolo di Patrimonio dell’Umanità.

L’intricato dedalo di piazzette, vicoli e palazzi nobiliari dalle colorate facciate, riesce a stupire mostrandosi in tutta la sua bellezza e nel suo lato romantico. I punti di interesse principali della Città Vecchia sono la Piazza del Mercato, la Piazza del Castello, il Barbacane e le chiese di San Giovanni e di San Martino.

La piazza del Mercato e la sua Sirenetta

Visitare questa piazza è obbligatorio in una visita di Varsavia. La Rynek Starego Miasta, cioè la Piazza del Mercato per secoli è stata il centro di Varsavia e della vita cittadina, oggi, è un semplice ritrovo per turisti, fra tavoli di ristoranti e negozi di souvenir. Ai lati della piazza si trovano le case colorate, che sono state anch’esse ricostruite dopo la Seconda Guerra Mondiale. Come da tradizione dell’est, queste case hanno dei nomi strani: Basilisco, Dorata, Leone. Nel bel mezzo della piazza si può ammirare la statua della Sirenetta, sorella della più famosa che sta a Copenaghen e che veglia sulla capitale della Polonia.

La piazza del castello

Varsavia vede la sua nascita nell’attuale Piazza del Castello che rappresenta il punto di incontro fra la Città Vecchia e la città Nuova. Il primissimo castello, costruito dai duchi di Mazovia, fu ampliato, incendiato e saccheggiato nel corso dei secoli sino alla sua completa distruzione da parte dei nazisti e poi la ricostruzione finita nel 1984. Molto interessante la collezione delle opere di Rembrandt. Nel centro della piazza, poi, c’è la colonna di Sigismondo, costruita in onore del re che spostò la capitale da Cracovia fino a Varsavia.

La sontuosità della residenza Wilanow

Uscendo dal centro storico, si trova la Residenza di Wilanow, un bellissimo palazzo barocco definito come la “Versailles polacca”. Circondata da un bellissimo parco rappresenta forse il più bel complesso architettonico della Polonia. La sontuosità della residenza è tuttora evidente, dagli affreschi, dagli arredi d’epoca e la bella galleria di quadri.

Visitare il ghetto ebraico

Prima dell’occupazione dei nazisti, a Varsavia, c’erano oltre 400.000 ebrei ma, dal 1940, l’area in cui si concentravano gli ebrei fu divisa in piccolo ghetto e grande ghetto e della Varsavia ebraica, venne raso quasi tutto al suolo. Al confine, lungo il muro costituito dai tedeschi, si possono leggere delle scritte in ghisa che sono state murate sul marciapiede per non dimenticare la Varsavia ebraica e ciò che ne è stato, attraverso la Via della Memoria e il Monumento agli eroi del Ghetto.

Il parco Lazienki 

Il parco Lazienki (in lingua madre chiamato Park Łazienkowski o Łazienki Królewskie) è uno dei più grandi parchi pubblici che vi sono a Varsavia e in tutta la Polonia. Esso si estende per 76 ettari ed è ubicato nel quartiere centrale chiamato Śródmieście. 
All’interno dell’imponente parco sorge il palazzo sull’acqua meglio conosciuto come Palazzo Lazienki o Palazzo sull’isola. Esso fu progettato nel XVII secondolo da van Gameren e destinato ad essere utilizzato dal nobile dell’epoca Stanisław Herakliusz Lubomirski  ma cento anni dopo fu trasformato in un sito ricco di palazzi e ville dal re Stanislao II Augusto Poniatowski. 
Solo nel 1918 venne aperto ufficialmente al pubblico e ad oggi rappresenta una delle mete più ambite da tutti i turisti che decidono di andare in viaggio a Varsavia.  

Il Palazzo Lazienki 

Il Palazzo Lazienki (Pałac Łazienkowski ) è quello come detto che sorge all’interno del parco Lazienki. Durante la seconda guerra mondiale lo stesso palazzo fu soggetto a vari tentativi di demolizione: in particolar modo le milizie tedesche riuscirono a fare dei buchi all’interno della struttura stessa in preparazione di un’eventuale esplosione ma fortunatamente i tentativi furono vani.   

Il Palazzo della Cultura e della Scienza 

Meglio conosciuto come Pałac Kultury i Nauki abbreviato in PKiN il Palazzo della Cultura e della Scienza è stato per diversi decenni il secondo palazzo più alto d’Europa inferiore all’edificio principale dell’Università russa di Mosca che è più alto di solo sei metri. 
All’interno dello stesso vi si trovano musei, teatri, uffici e sale congressi. Unico difetto strutturale risiede nel poco spazio disponibile nei primi piani a causa delle imponenti mura portanti che vi sono. 
Fu progettato da Lev Vladimorivic Rudnev e fu donato dall’Ex Unione Sovietica alla Polonia come replica dell’edificio principale presente all’interno dell’Università Lomonossov. La costruzione dello stesso iniziò nel 1952 ma fu ultimata dopo solo tre anni ovvero nel 1955. 
È stato al centro di una dura discussione dopo la caduta del comunismo avvenuta nel 1989 circa la sua eventuale abolizione ma fortunatamente fu deciso di salvaguardarlo e dal 2007 fa parte degli edifici tutelati. 
Ad oggi il Palazzo della Cultura e della Scienza è il più alto di tutta la Polonia ma tra poco più di un anno e mezzo perderà il primato a discapito della Varso Tower che è addirittura il palazzo più alto dell’Unione Europea.

Divertimento

Locali a Valencia: scopri insieme a noi queste splendide opzioni

Valencia è la terza città della Spagna (dopo Madrid e Barcellona of course), è una città in espansione baciata dal Mediterraneo che le regala estati lunghissime e notti “calienti”. Chissà se è questo il motivo per il quale la movida è così attiva. Durante l’estate ma anche durante l'inverno tanto mite da rendere piacevole anche in pieno Gennaio, le notti diventano mille, come mille diversi sono i gusti delle persone che vivono e amano questa città.

Leggi tutto...

Locali a Roma: ecco tutte le possibilità che ci sono nella capitale

C’era un volta la dolce vita romana… e c’è ancora! Quell’atmosfera di festa e di voglia vivere che aveva reso celebri le notti della Capitale negli anni 60 è tornata prepotentemente di moda grazie alla comparsa di numerosi locali al centro di Roma, molto gettonati sia dagli stessi romani che dai turisti, che rievocano quel momento storico ma con una maggior consapevolezza dettata dai tempi che comunque sono cambiati.

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Guide e consigli

Voli per Parigi con Air France: ecco alcune opportunità che non puoi perderti

Immagine d'esempio usata nell'articolo Voli per Parigi con Air France: ecco alcune opportunità che non puoi perderti

Raccontare le bellezze della capitale francese in modo esaustivo richiederebbe sicuramente molto più tempo basti pensare ai musei di Parigi che sono più di 150. Ognuno di essi meriterebbe una visita, quindi, nono potendo visitare tutto in una volta, dovrete fare delle scelte; una selezione che a sua volta riesca a tenere conto del mix di cultura, di arte, di storia, di svago e di gastronomia che contraddistingue questa meravigliosa città.

Montecristo: fascino e mistero passando dall’Isola del Giglio

island lily 2125608 640

Lo scrittore francese Dumas, immaginando il suo Conte di Montecristo ha, in realtà, creato un mito che non si è scalfito nel tempo. L’idea di un tesoro custodito sull’isola affascina ancora molta gente, attratta a maggior ragione dall’aura di mistero che la circonda e dall’accesso severamente regolamentato.

Città da Visitare, sviluppato dall'Agenzia Web di Roma ElaMedia Group - Partita IVA 12238581008