Il bando per la costruzione del Mercato Centrale di Budapest fu pubblicato nel 1891 ed il progetto originale prevedeva la presenza di binari ferroviari atti al trasporto delle merci e la struttura doveva trovarsi vicina al Danubio che doveva rappresentare un ulteriore punto di arrivo dei prodotti.
Il bando fu vinto da un architetto ungherese anche se avevano risposto anche architetti tedeschi e francesi.
Il vincitore creò un progetto per il Mercato Centrale di Budapest che richiese quattro anni di lavori, l’edificio consta di 10.000 metri quadrati ed è disposto su tre livelli ed è caratterizzato da una struttura d’acciaio mozzafiato, la scelta architettonica permette inoltre di avere a che fare con uno spazio ampio e ben organizzato, il lato estetico rappresenta invece arricchito da porcellane di Zsolnai sul tetto e dal pirogranito prodotto dalla fabbrica di Pécs, il tutto in grado di incantare, a più di 120 anni di distanza, turisti provenienti da tutto il mondo che fanno tappa obbligatoria al famosissimo Mercato Centrale di Budapest.
Prima della costruzione del Mercato Centrale Budapest e degli altri successivi mercati sparsi e presenti in tutta la città, Budapest somigliava molto di più alle città italiane a cui siamo maggiormente abituati: esattamente come le nostre piazze, anche quelle di Budapest erano affollate come le nostre piazze.
Il Mercato centrale di Budapest è il più amato dai cittadini per via della sua posizione strategica e l’ampia disponibilità di prodotti, inoltre è facile da raggiungere con i mezzi pubblici ed è subito diventato un’attrazione per tutti quei turisti che adorano immergersi nelle tradizioni del luogo che stanno visitando.

Mercato Centrale Budapest: ecco cosa comprare

Per tutti i turisti, visitare il Mercato Centrale di Budapest può rappresentare un’ottima scusa per portare a casa prodotti tipici del luogo, oppure per concedersi uno spuntino veloce ma allo stesso tempo tipico, o ancora per passeggiare ed ammirare tutti i piccoli venditori immersi nelle loro attività quotidiane: fascino gratuito.
Pur trattandosi principalmente di un mercato di prodotti alimentari (che comunque non guastano), non mancano bancarelle di artigianato e souvenir.
I tre piani del Mercato Centrale di Budapest sono così organizzati: al piano interrato si trovano principalmente venditori di pesce; al pianterreno (il più affollato) è invece occupato dai venditori di carni e verdure; il primo piano può invece essere considerato come il più turistico perché è qui che avrete la possibilità di acquistare souvenir, ma anche di fermarvi ad un bar o ristorante.
I prodotti maggiormente acquistati sono del tipo paprika, aglio, salami, fegato d’oca, ma anche liquori, al di fuori dell’ambito alimentare si acquistano in genere merletti, ceramiche e ricami di vario genere.
Nei ristoranti e bar disposti al primo piano potrete invece assaggiare qualche ricetta tipica del posto come il langos, la hurka o il sult kolbàsz.

Mercati di Budapest: eccone alcuni

mercato

I mercati coperti presenti a Budapest sono diversi, quindi non è solo il Mercato Centrale di Budapest quello che vale la pena visitare ma ve ne sono diversi e tutti meritevoli per un motivo o per un altro.
Come il Mercato centrale di Budapest, anche questi sono nati sia perché Budapest risulta essere una città dinamica sia per via dell’esigenza di evitare problematiche legate al traffico causato dai mercati all’aria aperta.
Alcuni di questi sono diventati centri commerciali, altri mantengono invece la funzione originaria di mercato in cui è possibile trovare colori, aromi e sapori tipici del posto, un pretesto per immergersi nella vita ungherese, assaggiare piatti tipici e sentirsi parte di una quotidianità consolidata nel tempo.

mercato centrale budapest
Uno dei mercati più popolari del lato di Buda è sicuramente quello di Via Fény che non può competere con il mercato centrale di Budapest per bellezza ma può sicuramente per vai dei prezzi, considerati migliori dagli abitanti della zona.
Un altro mercato che vale la pena visitare è sicuramente il Mercato coperto di Piazza Klauzál che appare quasi “nascosto” se paragonato al mercato centrale di Budapest, ma qui vengono offerte verdure dai coltivatori diretti oltre che carni fresche, prosciutti e salsicce che vanno a costituire il “Paradiso del Mangalica”, un menù del giorno a base di questi prodotti.
Infine vi è anche il mercato coperto del Centro che si trova vicino il parlamento e in cui vale la pena provare uno dei diversi ristoranti presenti al pianoterra, ovvero lo Stand25 Bisztrò dove vi consigliamo di assaggiare lo sformato di patate dal nome tipico “Rakott Krumpli”.
Naturalmente la città non è famosa solo per il Mercato centrale di Budapest, ma anche per i mercatini allestiti durante il periodo natalizio.
Durante questo periodo potrete girare per la città arricchita di luci e stand in grado di stupire e coinvolgere, oltre che mettere in piedi delle vere e proprie esperienze uniche come quella del mercatino di Piazza Vörösmarty che vi consigliamo di visitare in cui potrete assaggiare piatti particolari ed estremi.